top of page
  • Immagine del redattoreMarco Di Loreto

L'anticiclone è in ritirata e si prospetta una settimana prima instabile e poi perturbata

L'area anticiclonica che ha abbracciato il Mediterraneo tende a indebolirsi a causa di infiltrazioni fresche atlantiche, che stanno tuffandosi fin sulle coste del Marocco e dell'Algeria.

In questa ore pomeridiane si stanno registrando temporali di calore nell'arco alpino ed anche, in modo più sporadico, nell'Appenino centro/settentrionale, soprattutto quello abruzzese.

In nottata le correnti atlantiche favoriranno l'approfondimento di un vortice ciclonico, che inizierà a risalire il Mediterraneo e darà il via ad una fase di moderato maltempo nelle due isole maggiori.

Nel resto della penisola, pertanto anche in Abruzzo, dobbiamo attenderci un tempo velato o parzialmente coperto al mattino, ma con attività convettiva, che si esalterà nel pomeriggio dando il via allo sviluppo di temporali, in estensione possibile anche nelle zone collinari e, seppur occasionalmente, fin sulle zone costiere.

Nella giornata di martedì il promontorio anticiclonico, che domani si allungherà fin sulla Francia, ripiegherà rapidamente verso il Mediterraneo occidentale, a causa dell'incedere impetuoso di correnti nord atlantiche verso l'Europa occidentale, destinate, da mercoledì, a raggiungere l'Italia con associato intenso maltempo.

Per martedì la circolazione depressionaria in formazione nella notte nel mar Tirreno meridionale, si spingerà verso la Tunisia e perderà anche energia, ma sarà in grado di favorire altra pioggia al sud; nelle regioni centro/meridionali peninsulari solo attività convettiva pomeridiana, ma decisamente più blanda di quella di lunedì, mentre al nord in serata giungerà il fronte perturbato nord atlantico con pioggia moderata in tutto il nord/ovest.

In Abruzzo giornata nuvolosa o parzialmente nuvolosa, ma con possibili scrosci di pioggia pomeridiani che dai monti potranno estendersi anche nei restanti settori.

Mercoledì si annuncia come una giornata molto perturbata in buona parte della penisola poichè la saccatura nord atlantica avrà raggiunto l'Italia e si formerà anche una circolazione depressionaria, che dalla Liguria si sposterà verso le regioni centrali a fine giornata.

Ecco la stima di pioggia che il modello europeo ipotizza ad oggi per il 10 maggio e dalla colorazione accesa (giallo/arancio) si può facilmente intuire come molte aree italiane potrebbero ricevere accumuli rilevanti.

Non solo maltempo ma anche graduale diminuzione delle temperature.

Eloquente la differenza tra i valori che si stanno registrando in queste prime ore serali e quelli di mercoledì sera, quando avremo termiche nell'ordine di 6/7 gradi di meno rispetto ad oggi.

Per gli sviluppi più dettagliati del maltempo di mercoledì vi rimando alla puntata di "A spasso tra le nuvole" di martedì sera alla 20, dove si parlerà anche del tempo fino a domenica 14 maggio.

Comments


bottom of page