ARRIVA L'AUTUNNO ATLANTICO CON IL SUO CARICO DI PIOGGIA UN PO' SU TUTTA L'ITALIA

E’ in via di esaurimento la fase perturbata legata al passaggio della goccia fredda in quota che dai Balcani ha attraversato l'intera penisola durante il weekend e in questo inizio di settimana.

Nel contempo l'Italia si appresta a vivere la più classica delle fasi autunnali, quella caratterizzata dal passaggio di fronti perturbati atlantici che, da qui alla fine della settimana, si insinueranno in Mediterraneo elargendo pioggia un po’ in tutti i settori in un contesto climatico fresco, in linea con quelle che sono le temperature medie del periodo.

Il primo fronte sta per raggiungere il nord-ovest, dove sono previste le prime piogge già in nottata; domani abbraccerà il resto del settentrione e dal pomeriggio/sera giungerà anche nelle regioni centrali.


Dalla mappa delle precipitazioni stimate per l'intera giornata di domani si comprende bene come i fenomeni più rilevanti si manifesteranno tra Liguria e Toscana, ma non mancheranno anche su buona parte del nord Italia ed in parte anche nelle regioni centrali nella seconda parte della giornata.

In serata, dopo una mattinata irregolarmente nuvolosa, si potranno manifestare anche in Abruzzo, a partire dall'aquilano, dalla marsica e dall'alto Sangro, ma in tarda serata qualche debole pioggia potrebbe raggiungere anche il teramano.

Le temperature massime di domani si attesteranno su valori leggermente superiori a quelli odierni e in linea con le medie del periodo.

Mercoledì il maltempo si sposterà anche al sud e la mappa di stima delle piogge evidenzia bene come i settori tirrenici, dalla Liguria alla Calabria saranno i più colpiti da fenomeni a tratti molto intensi. Nelle regioni adriatiche l'appennino potrebbe fungere da barriera, ma riuscirà solo a smorzare gli effetti perturbati, che saranno comunque presenti.

Nello specifico per la nostra regione ecco la mappa dei possibili accumuli secondo il modello europeo. Accumuli maggiori nelle aree di confine con il Lazio, ma non mancheranno anche nel resto della regione.

Nel dettaglio ecco la possibile dinamica delle precipitazioni: piogge più estese e persistenti nell'aquilano, ma entro la tarda mattinata tutta la regione sarà sotto gli effetti perturbati. nella seconda parte di giornata le piogge andranno sempre più diradandosi.

Le temperature dovrebbero mantenersi simili a quelle del martedì.

Come detto ad inizio articolo domani si apre una fase, la cui durata è ancora tutta da decifrare, di stampo atlantico, pertanto fronti perturbati si susseguiranno a ripetizione.

Infatti dopo questo primo fronte in arrivo se ne prevede un altro da giovedì/venerdì che favorirà altra pioggia. Senza entrare nei dettagli vi posto gli accumuli di pioggia previsti tra giovedì e sabato che danno un po' l'idea di cosa ci dobbiamo attendere.

ACCUMULI GIOVEDI'

Probabilmente la giornata meno perturbata.

ACCUMULI VENERDI'

Il 18 novembre la nuova perturbazione sarà entrata in piena azione nel Mediterraneo con piogge, anche rilevanti, nelle regioni centro/settentrionali e tirreniche.

ACCUMULI SABATO

Nella giornata di sabato tempo in miglioramento al nord e fase di acuto maltempo al centro/sud.

In conclusione l'autunno, quello dinamico e ricco di precipitazioni, è arrivato, seppur con ritardo rispetto alla norma, e non sembra intenzionato a lasciare spazio alla stabilità atmosferica, almeno per i prossimi 7 giorni.