top of page
  • Immagine del redattoreMarco Di Loreto

DOMANI MALTEMPO, DOMENICA LENTO MIGLIORAMENTO, MA ARRIVA IL FREDDO, CHE SARA' PUNGENTE LUNEDI'

L'Italia si è divisa in due in questa giornata, al nord freddo e neve a quote collinari o localmente pianeggianti, al centro/Sud temperature molto miti a causa dell'incedere di venti libecciali o di scirocco.

Intanto il minimo barico legato alla depressione atlantica Birgit continua ad avanzare verso levante e durante la notte e al primo mattino di domani si collocherà nelle vicinanze della Corsica, per poi spostarsi nelle regioni centrali ed in serata nel mare Adriatico.

Con l'avvicinarsi del minimo il tempo sarà sempre più perturbato, non solo al nord Italia, ma soprattutto nelle regioni centro-meridionali. Piogge abbondanti nei settori terrenici, ma anche tra Toscana, Umbria e Marche; più deboli nei settori adriatici. Ecco le precipitazioni previste per domani.

In Abruzzo sarà un sabato perturbato un po' in tutti i settori anche se in quelli adriatici le precipitazioni potrebbero essere più deboli e non persistenti.

Complice i venti sud/occidentali, che soffieranno forti in montagna e con possibile interessamento delle aree pedemontane, la quota neve rimarrà piuttosto elevata e non scenderà oltre i 1800/1900 metri.

Nella giornata di domenica il minimo barico, coem visto nell'immagine in movimento sopra, si sposterà nei vicini Balcani richiamando verso l'Italia aria molto fredda di origine artica, che potrebbe favorire nevicate a quote collinari in Emilia Romagna; precipitazioni possibili, ad intermittenza, anche al centro/sud, ma con quota neve più elevata.

In Abruzzo tempo ancora coperto al mattino con le precipitazioni che potranno assumere carattere nevoso a quote via via sempre più basse, ma comunque superiori ai 1100/1200 metri; dal pomeriggio tempo che andrà gradualmente migliorando e ci sarà spazio solo per occasionali piovaschi irregolarmente distribuiti sul territorio regionale.

Le temperature inizieranno gradualmente a scendere anche in Abruzzo, ma il vero crollo termico si raggiungerà lunedì quando i valori scenderanno sotto la media del periodo. Nell'immagine sotto le possibili massime di giornata di domani e di lunedì.

La prossima settimana si prospetta fortemente dinamica e con un continuo su e giù termico, almeno fino a metà mese.



Comentarios


bottom of page