top of page

DOMANI NEVE AL NORD FINO AL PIANO, DA VENERDI' A QUOTE COLLINARI AL CENTRO/SUD

Aggiornamento: 3 giorni fa

L’aria artico marittima ha fatto il suo ingresso in Mediterraneo favorendo nevicate a quote collinari al centro/nord e di bassa montagna al centro. Domani, giovedì 19 gennaio, proseguirà la sua avanzata verso sud, ma nel contempo il Mediterraneo inizierà ad entrare in contrasto con l’aria fredda dando vita ad un minimo depressionario nel mar Ligure,

che favorirà maltempo a carattere nevoso al centro/nord, ma precipitazioni potranno verificarsi anche al centro/sud, soprattutto lato tirrenico; nel settore adriatico potrebbe essere una giornata di “pausa”, sebbene in un contesto climatico decisamente freddo. Ecco le stime di acqua per la giornata di domani.

Venerdì la situazione inizierà ad essere davvero complessa e dai risvolti anche eclatanti ed è questo il motivo principale della mia cautela ancora questa sera; la posizione e l'evoluzione del minimo saranno importantissimi per quelle che poi saranno le precipitazioni, gli accumuli e la quota neve. Nella mappa sotto vi propongo l’evoluzione prevista dal modello europeo che, ad oggi, sembra il più stabile, tra tutti i modelli previsionali principali, ma non per questo possiamo considerla definitiva.

Il minimo barico dovrebbe formarsi nel golfo del Leone nella notte su venerdì e poi spostarsi durante la giornata prima in Sardegna, a metà giornata di venerdì nel basso Tirreno e poi muoversi nell’Italia meridionale; sabato dalla Puglia risalirebbe verso le coste croate.

Quali effetti causerebbe questa dinamica? Vi posto gli accumuli in termini di mm che il modello europeo stima per venerdì e per sabato. Si nota bene come la nostra regione, lato adriatico, accumulerebbe discrete quantità di acqua sia venerdì che sabato.

Come si può tradurre tutto ciò in termini di quota neve? Guardando gli spaghetti meteo serali possiamo parlare sicuramente di nevicate a quote collinari sia venerdì che sabato, ma con quote differenti. Vorrei far notare inoltre la persistenza della fase di maltempo che potrebbe continuare anche nei giorni successivi.

In termini di quota neve il modello europeo questa sera propone questa situazione ben evidenziata dalle mappe successive. Venerdì il maltempo dovrebbe iniziare dalla tarda mattina o al primo pomeriggio, in concomitanza dell'avvicinarsi del minimo posizionato nel basso Tirreno e la quota neve si attesterebbe attorno ai 500/600 metri per poi scendere fino a 400 metri durante la sera/notte.

Durante le prime ore di sabato il minimo, spostandosi verso il sud Italia favorirebbe l'arrivo di più freddo da nord est e la quota neve crollerebbe fino ai 200 metri, che si manterebbe per tutto il giorno. Attenzione queste sono le quote in cui il modello europeo prevede che possa nevicare, ma non significa che da quella quota ci saranno accumuli e su quelli non voglio esprimermi ancora vista anche la difficoltà nell'inquadrare bene l'evoluzione del minimo.

Ci tengo a precisare che questa è solo una possibile evoluzione ancora da confermare nei prossimi aggiornamenti.

Domani sera sarò ospite nella puntata CONTROLUCE a Super J tv canale 16 (alle ore 21 circa) e lì spero di poter eliminare i se e ma che ancora sono obbligatori questa sera.

bottom of page