top of page
  • Immagine del redattoreMarco Di Loreto

MEDITERRANEO SENZA INVERNO: SOLE DI GIORNO E NEBBIA LA NOTTE FINO ALL'EPIFANIA

Il super anticiclone di Natale vive oggi il suo ultimo giorno di massima espansione e forza in Mediterraneo, infatti da domani correnti umide atlantiche inizieranno ad affluire debolmente al nord Italia favorendo un indebolimento del campo di alta pressione, sebbene in concreto non ci saranno grandi novità dal punto di vista atmosferico.

L'Italia sarà attraversata da qualche nube in più, non si esclude quanche isolato scroscio al nord, ma sarà sempre la nebbia ad essere protagonista, come ad esempio questa mattina in cui, come si vede bene dalla foto del satellite, numerose aree della penisola non hanno visto il sole e vivono in un clima decisamente fresco.

L'arrivo di correnti umide e fresche avrà il merito di ridimensionare il caldo fuori stagione, soprattutto sui monti dove continuano a registrarsi temperature a volte superiori a quelle dei fondo valle e aree costiere.

In Abruzzo gli effetti delle correnti umide saranno quasi del tutto assenti; continueranno le giornate soleggiate al mattino, ma con la nebbia che tornerà protagonista dal tramonto.

Questa la mappa delle nebbie (colore giallo) previste a mezzanotte di oggi.

Quello che dovrebbe cambiare anche in Abruzzo è l'aspetto termico con le nostre montagne che torneranno a valori tardo autunnali e non di fine settembre.

Nei fondo valle durante la notte, anche a causa della nebbia/foschia, non si escludono, nei prossimi giorni, temperature vicine allo zero.

Questa completa stasi atmosferica e barica quando avrà fine? La domanda se la stanno ponendo in tanti ed io per primo, ma gli spaghi meteo, che permettono di guardare oltre il breve periodo, sono assolutamente allineati nel non vedere nulla di diverso almeno fino all'epifania. Ci sarà un su e giù da domani fino ad inizio anno, ma sempre su valori ben al di sopra delle medie del periodo; poi una lenta discesa verso la normalità climatica e non si può del tutto escludere, anche se resta un'ipotesi secondaria, l'arrivo del freddo o gelo, ma dopo il 6 gennaio. Per quanto riguarda le precipitazioni assenza totale ancora per molto tempo.

Comentários


bottom of page