top of page
  • Immagine del redattoreBruno de Ruvo

....Filippo e Epipogium aphyllum...

...ciao amici, voglio raccontarvi un'aneddoto, una circostanza, una vicenda che ho vissuto intorno a questa bellissima e rara orchidea, detta Orchidea Fantasma perché appare saltuariamente e nei luoghi bui e nascosti delle faggete.

...soggetto principale è Filippo, un mio amico per la pelle con cui ho condiviso l'inverosimile, un cane, dalla sensibilità ed intelligenza straordinarie, ma anche un grande dispettoso.

....diversi amici già conoscono quello che dirò, mi piace però scriverci questo breve articolo. Allora, partiamo con il racconto. Avevo trovato Epipogium aphyllum e avevo pubblicato le foto...

...bellissimi soggetti. Dopo qualche giorno mi contatta un signore chiedendomi informazioni sui questa orchidea, un signore di una certa età che amerebbe fotografarla, è una vita che la cerca, ne sarebbe felice. Mi offro di accompagnarlo...

...il luogo è troppo particolare e non si può descriverlo. Ci diamo un appuntamento in un pomeriggio di agosto, ci vediamo al Ceppo, nei pressi del Bar di Mirco Marinelli....ok... Con me salgono anche due altri miei amici e mio figlio Alessandro.

...becchiamo la giornata peggiore, temporali e buio. Tutti siamo puntuali all'appuntamento e discutiamo se è il caso di andare, si decide comunque di provare e non l'abbiamo deciso noi. Mannaggia mi sfugge il nome dell'amico fotografo accompagnato anch'esso da Stefano Pagliuca. La cosa particolare che subito ci meravigliò è stata la sua attrezzatura, fatta anche da due macchine digitali Nikon che portava a tracolla con due obiettivi diversi. Alla mia domanda del perché mi rispose che non cambia obiettivi, li tiene sempre messi così il sensore non si sporca. Ok...andiamo. Scendiamo verso il Rio Castellano...pioveva a tratti forte, un tempaccio che avrebbe suggerito di rimandare.

....camminiamo lentamente, si scivola, la luce è poca, beccare un ramo viscido sotto le foglie è un momento. Finalmente arriviamo sul luogo, la ritrovo, "...eccola".. dico. Il viso dell'amico di colpo s'illumina, aveva atteso e cercato una vita quella pianticella senza clorofilla. E' un piacere vedere una persona felice. Si prepara per le foto, intanto noi ci disponiamo a cerchio, Filippo poco sopra l'orchidea, sembrava gustarsi il momento. " ma il cane?"...."tranquillo, sta lì non si muoverà" risposi.. Il telo di plastica a terra sistemato per non sporcarsi e non bagnarsi, macchinette pronte, prove per vedere con quale diaframma fotografare, tutto pronto per la foto...intanto pioveva forte, aspettiamo lo scatto per riprendere la strada di ritorno. "sono pronto" disse...appena terminò questa frase Filippo si alzò improvvisamente e come se nulla fosse passò lentamente davanti alla fotocamera distruggendo l'orchidea. Immaginate la scena, speravo in una improvvisa piena del torrente che ci cancellasse dal mondo. Questo si girò verso di me, disteso sul telo, bagnatissimom ed esclamò soltanto..." ..il cane.." Filippo me lo volevo mangiare, un po' avevo sospettato il gusto che si stava togliendo...oggi lo ringrazio per avermi fatto vivere una grande scena che nessuno delle persone presenti dimenticherà mai...grande Filippo, divertiti pure dove adesso sei...ciao

Ciao a tutti, grazie e buon Ferragosto.

Comments


bottom of page